giovedì 23 ottobre 2014
 
Mettersi in proprioAgenzia immobiliare
  Login    

  

  

messaggio dal cuore

  
tags: come, aprire, una, agenzia, immobiliare
   
  
   

Aprire un'agenzia immobiliare

  

   

Oggigiorno, l'acquisto di una casa rimane, oltre che una necessità, una delle forme più diffuse di investimento "sicuro" data la certezza dell'aumento del valore dell' immobile.
Il luogo dove avviene un incontro tra la domanda e l'offerta, cioè tra i venditori e gli eventuali clienti, è sempre più spesso, l'agenzia immobiliare.

L'agente immobiliare, la figura che ha un compito determinante nella moderazione delle trattative e nel raggiungimento di un accordo tra le parti, deve seguire un percorso formativo ben definito.
La legge obbliga gli agenti immobiliari a conseguire un titolo ed a seguire determinate regole con lo scopo di rendere pulite e corrette le transazioni e le compravendite, in un settore difficile come quello della mediazione immobiliare.

Gli agenti immobiliari per essere considerati tali dalla legge devono essere iscritti all'albo loro riservato nella provincia di loro competenza presso la Camera di Commercio.
Per essere presenti in tale albo, a conclusione di un apposito corso, essi devono superare un esame formato da una parte scritta ed una orale.
Per potersi iscrivere a questo albo i requisiti da possedere sono gli stessi per gli altri albi generici come la nazionalità italiana o europea, il godimento dei diritti civili, possedere il diploma della scuola secondaria superiore con indirizzo al commercio o laurea in indirizzo giuridico o commerciale, aver raggiunto la maggiore età, ecc.

Le zone più indicate per l'apertura di una agenzia immobiliare sono ovviamente quelle che sono o potrebbero diventare le zone con il più alto tasso di sviluppo edilizio o di compravendite immobiliari.

Per poter aprire una agenzia immobiliare è necessario possedere un patentino rilasciato al superamento dell'esame sopra indicato o, in alternativa, contrarre società con una persona che sia in possesso di questo titolo. 
Il socio non in possesso di abilitazione (patentino) non può svolgere acquisizioni o ricevere delle proposte di acquisto da parte di un potenziale acquirente, ma deve limitarsi alla gestione dell'ufficio ed alle mansioni di segreteria.

Una scorciatoia per collaborare maggiormente sarebbe quella di svolgere la funzione di procacciatore, mansione che richiede solo l'apertura di partita IVA. 

Il settore immobiliare richiede una altissima serietà e professionalità e dunque non deve essere una scelta improvvisata.
E' fondamentale conoscere approfonditamente il mercato della zona in cui si andrà ad operare ed in alcuni casi sarebbe utile effettuare preventivamente un'indagine di mercato, per rendersi meglio conto delle richieste e delle offerte immobiliari della zona.

Per chi vuole sfruttare la notorietà ed il know-out di imprese già note, si può optare per un'agenzia in franchising 
avvalendosi anche dell'aiuto fiscale e gestionale.
Tuttavia l'affiliazione in franchising non sempre è la soluzione migliore, essendo dettata anche da fattori personali quali professionalità ed esperienza già acquisita nel settore.

L'investimento richiesto per aprire un'agenzia immobiliare varia a seconda di dove si vuole operare.
Tra le spese da sostenere occorre mettere in conto l'affitto del locale, il personale di segrateria, gli stipendi di eventuali collaboratori, i canoni (luce, telefono, ecc), eventuali ulteriori tasse comunali.
Occorre pertanto essere in grado di sostenere i costi relativi ai primi mesi, che potrebbero essere "di avviamento".

Maggiori informazioni riguardo il settore immobiliare si possono trovare sui siti: www.fiaip.it e www.fimaa.it 

Altre idee per mettersi in proprio 

Condividi questa pagina

  Condividi su Facebook!

   

 
 

    

Copyright (c) - Come-si-fa.it
Condizioni d'Uso | Dichiarazione per la Privacy